0
117

FITODEPURAZIONE IN RIFUGIO

Un nuovo impianto di fitoduperazione per il rifugio San Fermo in comune di Borno. L'intervento, che si è concluso in questi giorni, è stato eseguito nell’ambito delle iniziative che la Comunità Montana di Valle Camonica ha eseguito come gestore della locale Riserva della Biosfera. Tra le azioni previste nel Piano di Azione vi è infatti anche la valorizzazione sostenibile degli insediamenti alpini isolati, tra cui i rifugi. Obiettivo dell'intervento – che non è il primo sulle monagne camune – abbassare l'inquinamento che anche queste strutture provocano. L'intervento al rifugio San Fermo, costo 82 mila euro, è stato realizzato fra l'estate e l'autunno di quest'anno. L'impianto entrerà in funzione nel corso della stagione 2023. Sempre quest'anno è entrato in funzione un impianto di fitodepurazione pilota presso malga Blumone in comune di Breno, realizzato sempre dalla Comunità Montana – in veste di ente gestore del Parco dell’Adamello -; inoltre è stato realizzato dal CAI Lissone un impianto a servizio dell'omonimo rifugio in valle Adamé anche questo con un supporto tecnico dell'ente comprensoriale camuno. L'intervento sul rifugio di Borno è stato salutato con entusiamo dal sindaco Matteo Rivadossi e dal presidente del CAI Davide Sanzogni. Il rifugio San Fermo si trova ad una quota di 1868 metri e domina il paese. E' un luogo ricco di storia e di leggenda. Al monte San Fermo è legata la leggenda dei tre fratelli: Cristina, Fermo e Glisente, che a seguito dell’esercito di Carlo Magno, decisero di fermarsi in Valle Camonica e concludere la loro vita come eremiti ritirandosi sui tre monti, che in seguito presero il loro nome; la sera accendevano un fuoco per comunicare la loro persistenza in vita. Il rifugio, sistemato in tempi recenti, con la creazione di 25 nuovi posti letto e 40 posti nella sala pranzo, venne inaugurato il 5 giugno 1911. Alla sommità del monte vi è l’omonima chiesetta a cui il rifugio è addossato sul retro: da una lapide collocata al suo interno risulta ricostruita completamente nell’anno 1663; successivamente sono stati fatti altri interventi di manutenzione. La zona era però probabilmente frequentata già in epoca preistorica come testimonierebbero alcuni reperti messi in luce dagli archeologi nel 2018.
Condividi questo articolo:

Previsioni

Albino

3.1°C

Cielo coperto
Umidità: 81%
Temp. min. : 2
Temp. max. : 4

Borno

0.2°C

Cielo coperto
Umidità: 75%
Temp. min. : -1
Temp. max. : 0

Breno

4.5°C

Nubi sparse
Umidità: 75%
Temp. min. : 2
Temp. max. : 4

Capo di Ponte

4.1°C

Nubi sparse
Umidità: 75%
Temp. min. : 2
Temp. max. : 4

Clusone

1.5°C

Cielo coperto
Umidità: 87%
Temp. min. : 0
Temp. max. : 3

Darfo Boario Terme

4.6°C

Cielo coperto
Umidità: 75%
Temp. min. : 3
Temp. max. : 5

Edolo

0.7°C

Nubi sparse
Umidità: 79%
Temp. min. : -1
Temp. max. : 2

Iseo

4.2°C

Cielo coperto
Umidità: 35%
Temp. min. : 3
Temp. max. : 4

Lovere

4.4°C

Cielo coperto
Umidità: 56%
Temp. min. : 3
Temp. max. : 5

Pian Camuno

4.5°C

Cielo coperto
Umidità: 76%
Temp. min. : 3
Temp. max. : 5

Pisogne

4.5°C

Cielo coperto
Umidità: 56%
Temp. min. : 3
Temp. max. : 5

Ponte di Legno

-5.0°C

Poche nuvole
Umidità: 83%
Temp. min. : -5
Temp. max. : -1

Schilpario

-1.1°C

Nubi sparse
Umidità: 75%
Temp. min. : -2
Temp. max. : -0

Sovere

3.3°C

Cielo coperto
Umidità: 49%
Temp. min. : 2
Temp. max. : 4

Vilminore

-1.1°C

Cielo coperto
Umidità: 75%
Temp. min. : -2
Temp. max. : -0


Iscriviti alla Newsletter

Seguici e ricevi gratuitamente tutte le più importanti notizie e novità direttamente nella tua casella di posta! Iscriviti subito alla nostra Newsletter!